Francesco Messina PRODIGI DI BELLEZZA

A Vercelli si è svolta una significativa mostra dedicata al grande scultore del ‘900 italiano, Francesco Messina (1900-1995). Ben 120 opere esposte in luoghi ecclesiastici a testimonianza dei 120 anni trascorsi dalla sua nascita. Tre i curatori: Marta Concina, Daniele De Luca, Sandro Parmiggiani. Un esempio quindi di valorizzazione attraverso la scultura sacra e spirituale

Arch. Daniele De Luca, Direttore Ufficio Beni Culturali Arcidiocesi di Vercelli, e uno dei tre curatori della mostra “Francesco Messina Prodigi di Bellezza”

Tre sedi (ARCA, Palazzo Arcivescovile, ex Chiesa di San Vittore), 120 opere, non poche di dimensioni rilevanti, per celebrare, a 120 anni dalla nascita, Francesco Messina (Linguaglossa, Catania 1900 – Milano 1995), scultore certamente tra i maggiori dell’ultimo secolo.

A promuovere questa grandiosa retrospettiva sono il Comune e l’Arcidiocesi di Vercelli con la collaborazione della Fondazione Messina e di Nicola Loi Studio Copernico, Milano.

“Siamo davvero soddisfatti di poter inaugurare e poter offrire alla cittadinanza una mostra di così grande valore – afferma il Sindaco Andrea Corsaro – è un’esposizione con un impatto visivo significativo, che colpirà il pubblico per la sua immediatezza e bellezza, ed inoltre è un evento culturale che avrà ricadute positive sul tessuto cittadino”.

Ex chiesa di S. Vittore, L’esposizione prevede un’unica opera all’esterno (Adamo ed Eva) e un’unica opera all’interno (Estate), il tutto visibile 24 ore al giorno, solo dall’esterno. La chiesa è rimasta sempre aperta (giorno e notte) e illuminata, in segno di speranza, accoglienza, stupore, riflessione e apertura verso tutti.

Le tre sedi accolgono grandi marmi, molti bronzi e ritratti di amici e colleghi – memorabili, tra i tanti, quelli di Lucio Fontana, Salvatore Quasimodo, Riccardo Bacchelli (con il monocolo), Alfonso Gatto, Arturo Tosi, Eugenio D’Ors, mentre tra le figure femminili, in particolare danzatrici, il ritratto di Carla Fracci, Luciana Savignano e Aida Accolla. Non mancano opere dipinte di fascino assoluto, Lia Ranza, Isabella Ostini e Vittoria Leone.

Tra le opere presenti nell’ARCA una sezione è dedicata ai cavalli, che ci ricordano immediatamente l’immagine del grande cavallo morente modellato nel 1966 per il Palazzo della Rai di Roma.

Nel Palazzo Arcivescovile e nell’ex chiesa di San Vittore trovano naturale collocazione (in ambienti di particolare suggestione, soprattutto la sede del vescovo di Vercelli dove nel salone è esposta la cronotassi dei ritratti di tutti i Vescovi appartenuti alla storia della Diocesi) le opere di carattere religioso, come uno dei bozzetti in bronzo della grande statua di Pio XII (San Pietro in Vaticano) e quello di San Filippo Neri, il Giobbe ignudo e inginocchiato del 1933, con l’umile corda che gli cinge i fianchi, o l’Adamo e Eva del 1956, fragili pur nella maestosa possanza dei corpi, che si stringono l’uno all’altra con lo sguardo interrogativo rivolto nella lontananza.

Molte altre sono le opere a carattere religioso, come il cardinale Schuster, la deposizione memore della Pietà Rondanini, le bellissime formelle (bozzetto) in bronzo dorato per la Santa Caterina collocate sugli spalti di Castel Sant’Angelo.

La mostra conferma e svela una volta di più la maestria scultorea di Francesco Messina, non casualmente presente alle Biennali di Venezia del 1922, 1928, 1930, 1932, 1942 (sala personale, vincitore del premio internazionale di scultura), 1956 (sala personale).

A Messina sono state dedicate importanti mostre personali (quella di esordio si tiene alla galleria Milano del 1929, presentata da Carlo Carrà) e collettive in tutti i continenti.

“Francesco Messina – annota Sandro Parmiggiani, autore del saggio in catalogo – si colloca nella linea italiana della grande scultura del Novecento che, come scrive Antonio Paolucci, si dipana da Wildt, attraverso Arturo Martini, Marino Marini, Giacomo Manzù, Messina stesso, fino a Giuliano Vangi. Salvatore Quasimodo, amico di una vita, lo definì “spirito apollineo e meditativo”. Messina ha innestato tutta la sua opera sulla tradizione, da quella egizia, greco-romana e rinascimentale, arrivando all’Ottocento e ai suoi contemporanei. Nella sua opera si riscontra la fedeltà ad un rigore antico, ai suoi esiti più alti, e in questo sta anche la sua modernità. Questa fascinazione per le opere del passato può essere letta in filigrana in molte sculture della mostra e ci appare del tutto esemplare ciò che scrisse De Chirico nel 1938, nella presentazione dell’esposizione personale alla Galleria ‘La Cometa’ di Roma: ‘Le sculture di Francesco Messina, ovunque si trovino, fanno piacere a guardare, vivono con gli uomini e li consolano con la loro presenza’”.

Sono state esposte anche il bozzetto del complesso scultoreo dedicato a Santa Caterina da Siena e le sue storie, grande opera presente in modo permanente nel giardino esterno di Castel Sant’Angelo a Roma, come anche un bozzetto di papa Pio XII, grandiosa opera ammirabile nella basilica di S. Pietro a Roma, una scultura raffigurante il cardinale Ildefonso Schuster e il notissimo Giobbe.
Condividi