Alcuni contenuti o funzionalità qui potrebbero non essere disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità/contenuto contrassegnato come “Facebook Pixel [noscript]” utilizza cookie che hai scelto di disabilitare. Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, ti preghiamo di abilitare i cookie: clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Innovazione Luminosa: Il Progetto di Illuminazione del Tempio Votivo di Bergamo

Scopri come l’architetto Davide Rampinelli ha trasformato l’illuminazione del Tempio Votivo di Bergamo, unendo innovazione tecnologica e rispetto per l’arte sacra. Guarda il video per vedere i risultati straordinari.

Benvenuti in questo articolo dedicato al progetto di illuminazione del Tempio Votivo di Bergamo, curato dall’architetto Davide Rampinelli. Qui scoprirete come la tecnologia LED ha rivoluzionato l’efficienza energetica e l’illuminazione artistica, valorizzando al contempo l’architettura storica e le opere d’arte di questo importante edificio sacro.

Il progetto, presentato al forum CHIESA IN CANTIERE il 29 maggio 2024, illustra dettagliatamente le soluzioni tecniche adottate e i risultati ottenuti. Vi invitiamo a leggere l’articolo per una panoramica approfondita e a guardare il video della presentazione per apprezzare direttamente l’impatto visivo e artistico di questo intervento innovativo.

Alcuni contenuti o funzionalità qui potrebbero non essere disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità/contenuto contrassegnato come “Google Youtube” utilizza cookie che hai scelto di disabilitare. Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, ti preghiamo di abilitare i cookie: clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Sintesi del video in 7 punti

1. Introduzione e contesto:
   – L’architetto Davide Rampinelli, specializzato in illuminotecnica per luoghi ecclesiastici, spiega come la luce non solo illumina spazi ma crea emozioni, specialmente nelle chiese.

2. Importanza della luce nelle chiese:
   – La luce nelle chiese equilibra il contrasto tra luce e ombra, esaltando l’architettura e aiutando i fedeli a entrare in uno stato di preghiera e raccoglimento.

3. Conversione alla tecnologia LED:
   – La conversione dalle vecchie sorgenti luminose ai LED offre risparmio energetico e migliora la resa luminosa, proteggendo anche le opere d’arte dall’eccessiva esposizione a luci dannose.

4. Disposizione discreta dei corpi illuminanti:
   – I corpi illuminanti devono essere posizionati in modo da non essere visibili, garantendo un’illuminazione uniforme senza interferire con l’estetica storica e artistica delle chiese.

5. Gestione e modulazione della luce:
   – I sistemi di gestione permettono di calibrare l’illuminazione per diverse esigenze, come le liturgie o le visite individuali, creando scenari luminosi appropriati per ogni occasione.

6. Studio di caso: il Tempio Votivo di Bergamo:
   – Viene descritto il progetto di illuminazione del Tempio Votivo di Bergamo, che include l’uso di sistemi di illuminazione moderni per valorizzare l’architettura e le opere d’arte.

7. Innovazioni e risultati finali:
   – L’intervento ha integrato nuovi corpi illuminanti e tecnologie LED, migliorando la qualità dell’illuminazione e rispettando l’architettura storica. La gestione domotica permette un controllo preciso delle luci, creando un ambiente suggestivo e funzionale.

Tre punti salienti del video:

1. Discussione sull’importanza della luce nelle chiese (Minuto 1:30):
   – “La luce ha sia una componente funzionale perché banalmente serve per illuminare degli spazi ma anche una componente fortemente emozionale soprattutto quando viene calata in contesti come quelli delle chiese.”
2. Conversione alla tecnologia LED (Minuto 6:00):
   – “Quando iniziamo un progetto di illuminotecnica in chiese storiche ci imbattiamo spesso nella conversione di obsolete sorgenti a LED a ioduri metallici o quelle più comunemente conosciute alogene. Questa conversione comporta sicuramente un risparmio nei termini di assorbimento energetico oltre a dare una resa illuminotecnica nettamente superiore.”
3. Gestione e modulazione della luce (Minuto 12:15):
   – “I sistemi di gestione consentono di calibrare gli apporti luminosi di ciascun faretto di ciascun corpo illuminante al fine poi di modulare le illuminazioni e regolare illuminazioni di ciascuna opera d’arte collocata all’interno delle chiese.”

CONCLUSIONE: 

 Il progetto di illuminazione del Tempio Votivo di Bergamo dimostra come la tecnologia avanzata possa essere armoniosamente integrata in contesti storici e artistici, esaltando la bellezza e la funzione degli spazi sacri. L’architetto Davide Rampinelli, con la collaborazione di TELMOTOR, ha creato un sistema luminoso efficiente, discreto e altamente valorizzante. Se anche voi avete esigenze simili o desiderate un consiglio esperto sulla progettazione dell’illuminazione, vi invitiamo a contattare TELMOTOR. La loro esperienza e competenza saranno in grado di trasformare qualsiasi spazio, rispettandone l’identità e migliorandone la fruibilità.

Condividi

Lascia un commento

Su questo sito web utilizziamo strumenti di prima o terza parte che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare rapporti sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare i nostri servizi/prodotti in modo appropriato (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.

Alcuni contenuti o funzionalità qui potrebbero non essere disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità/contenuto contrassegnato come “%SERVICE_NAME%” utilizza cookie che hai scelto di disabilitare. Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, ti preghiamo di abilitare i cookie: clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.