Testimonianze

Il quartiere Varignano: l’iter della comunità parrocchiale

Il progetto della nuova chiesa del Varignano come esito dell’esperienza del concorso “Percorsi Diocesani” della CEI

Il quartiere Varignano a Viareggio

Al centro, Don Marcello Brunini parroco del nuova Chiesa della “Resurrezione di Nostro Signore”, Viareggio-Varignano, a sx il Rup arch. Marco Bettini e a dx il Vescovo Mons Benvenuto Italo Castellani.

Il Varignano è un quartiere della periferia sud di Viareggio, compreso tra il canale Burlamacca e la rete ferroviaria. Uno spazio poco esteso, ma popolato da circa 10.000 abitanti. Un luogo soggetto da diverso tempo a tensioni e confronti, ma dove la Comunità cristiana intende essere presente per ravvivare il quartiere in varie forme: con la celebrazione Eucaristica domenicale, con le proposte di Catechesi ai ragazzi, con il Centro di ascolto della Caritas e, ancora, con il “Tavolo di partecipazione”, che riunisce le associazioni del quartiere e propone iniziative educative, ricreative, lavorative, partecipative e per la legalità. In particolare la Comunità intende coltivare quanto sollecita papa Francesco: “essere contemplativi della Parola e contemplativi del popolo”.

Verso il nuovo complesso parrocchiale

La prima idea è quella di ristrutturare l’edificio Chiesa del 1985 e la Canonica, ma subito emergono problemi di staticità dell’edificio e problematiche giuridiche legate ai confini.
Sorgono tensioni tra la decisione di ristrutturare o di ricostruire.
La decisione della Diocesi è quella di ricostruire un nuovo complesso parrocchiale nell’area della vecchia costruzione (gennaio 2014).

La parrocchia è inserita nel progetto CEI «PERCORSI DIOCESANI», insieme ad altre due parrocchie delle Diocesi di Forlì e di Monreale.
Viene nominato dalla committenza l’arch. Marco Bettini icome RUP (Responsabile Unico del Pro- cedimento) quale figura competente per organizzare le diverse fasi del concorso e il documento preliminare alla progettazione (DPP).

Concorso in due fasi

Nella presentazione della prima fase, avvenuta nel gennaio 2015, viene spiegata la filosofia del Bando, ovvero quella di fornire un’idea progettuale attraverso una tavola e una relazione.
La parrocchia avanza alcune pretese: una costruzione sobria capace di accogliere tutti, privilegiando i poveri, il nuovo progetto dovrebbe tentare di sporgersi sul «non detto»;
offrire bellezza come attrazione, diminuzione, danza – come invito alla preghiera, alla interiorità, all’amicizia. Dopo la fase istruttoria e in seconda fase sono stati Selezionati 10 progettisti attraverso una valutazione basata sull’esame dell’approccio progettuale relativamente alle istanze e agli indirizzi strategici contenuti nel DPP.

I criteri di valutazione che hanno indetto la scelta della Giuria sono stati : L’apertura al quartiere, la semplicità, sobrietà e bellezza del progetto, la riconoscibilità dell’edificio Chiesa, l’aula liturgica e ricollocazione degli elementi iconografici, l’economicità della costruzione e la sua manutenzione, il riutilizzo del materiale.

E’ stata redatta una relazione poi analizzata dalla Giuria tecnico-istituzionale, che ha scelto la proposta dello Studio Tamassociati di Venezia come progetto vincitore del concorso.

Presentazione dei progetti in concorso alla Comunità

La Premiazione e l’Esposizione nel quartiere è avvenuta il 26 settembre 2015.
Presso la Galleria di Arte Moderna e Contemporanea di Viareggio è stata esposta la mostra completa delle tavole presentate dai progettisti. Visitata da addetti ai lavori, molte scuole e semplici cittadini. Durante la mostra si sono svolti incontri di approfondimento e di confronto per aprire al dialogo con la comunità.

Presentazione del progetto vincitore al Comitato CEI – anno 2016/2017

Il Comitato CEI è l’organismo che approva in via definitiva il progetto presentato e apre al finanziamento. Dopo l’approvazione, si è proceduto con un nuovo affinamento per predisporre il progetto definitivo ed esecutivo da presentare agli Enti pubblici per le necessarie approvazioni. La validazione del progetto è stata compiuta dal Politecnico di Milano. Il Decreto di assegnazione del contributo per la realizzazione del nuovo complesso parrocchiale della parrocchia della Resurrezione è avvenuto nel settembre 2017. L’Esecuzione della costruzione, avvenuta tra dicembre 2017 e giugno 2019, ha previsto una dialettica collaborativa tra committenza, progettisti e impresa.
La dedicazione della nuova Chiesa è avvenuta nel giugno 2019, benedetta da S.Ecc. Mons Paolo Giulietti.

Lo Studio TAMassociati

Studio TAMassociati è uno studio attivo nei campi dell’architettura sostenibile, dell’urbanistica, della progettazione del paesaggio, della conduzione di processi partecipativi e didattici, della grafica e della comunicazione sociale. Opera attualmente in forma di studio associato, con sede principale a Venezia, e uffici a Bologna, Trieste, Parigi. Abbraccia un’idea aperta e partecipativa del mestiere dell’architetto, messa in pratica in 15 anni di attività in progetti di natura diversa: dagli spazi pubblici alla cooperazione internazionale, dall’abitare solidale alla comunicazione sociale.
Numerosi i premi e i riconoscimenti: nel 2013 ha ottenuto il premio Aga Khan per l’architettura per l’eccellenza rappresentata dal Centro Salam di cardiochirurgia in Sudan, il premio internazionale Ius-Capocchin per la realizzazione dell’ospedale pediatrico più sostenibile al mondo (Port Sudan) e il Curry Stone Design Prize per l’insieme della sostenibilità (sociale e ambientale) dei recenti progetti realizzati nel mondo.

Facebook Comments
Beni ecclesiastici, beni per tutti
2 Novembre 2019
Da spesa a investimento. Il patrimonio ecclesiastico fa “rete”
9 Agosto 2018