Editoriale

#testimonidifuturo Incubatore di idee e di speranza

Don Valerio Pennasso
Direttore Ufficio Nazionale per i Beni Culturali
Ecclesiali e la Nuova Edilizia di Culto della CEI

Nato per raccontare il patrimonio ecclesiastico per una intera settimana di valorizzazione e di comunicazione, #testimonidifuturo è stato trasformato dal virus in un incubatore di esperienze che le diocesi e gli istituti religiosi stanno realizzando a partire proprio da musei archivi e biblioteche.

#raccontidacasa

Il raccoglitore instagram è stato realizzato per stare vicini alle famiglie che restano in casa. La cultura non si ferma.
Lo abbiamo detto e sentito ripetere tante volte. Non si ferma non soltanto perché è sempre capace di rinnovarsi a partire dalla vita delle persone e delle comunità, perché è capace di resilienza e di trasformazione per offrire nuovi significati e valori alle relazioni.

La raccolta di 1.070 post dice la voglia, la creatività, la forza d’animo delle persone che vivono e abitano un patrimonio culturale vivo. La ricchezza e la unicità del patrimonio ecclesiastico dice proprio questa particolarità: è capace di sostenere la memoria, rappresentare valori, richiamare legami, fare comunità. Anche se a “distanza sociale” in casa e da casa possiamo raccontare sentire il racconto della bellezza di queste esperienze. Il clima privato e familiare, raccolto e calmo, lento, permette di assaporare e non soltanto consumare, non soltanto rapire un selfie da aggiungere al raccoglitore di viaggi e d’arte.

Abbiamo spesso rimbalzato tra un oggetto patinato e l’altro, lucido e smagliante che potesse darci importanza e sollecitare un like.
Spesso anche le esperienze più care (le feste patronali, gli appuntamenti di fede, gli incontri di comunità …) hanno giocato un mero ruolo di espositivo, da vendita e promozione. Spesso ci siamo dimenticati del loro valore, ammagliati dai “numeri” più che dall’esperienza di vita vera. Pronti a guardare più che a partecipare.

#testimonidifuturo

Il nome la dice lunga. Coniuga il passato personale e comunitario della propria identità e lo rilancia al futuro. Consapevolezza e responsabilità, creatività e progettualità stanno in un post. Oggi ne sono stati prodotti 879.

beweb

Le raccolte si arricchiscono di un progetto più strutturato che si trova sul portale beweb di chiesacattolica https://beweb.chiesacattolica.it/giornate-di-valorizzazione/
Un centinaio (111) sono le proposte culturali rappresentate, molte “da casa”, ma si stanno raccogliendo anche quelle presso musei archivi biblioteche chiese e spazi ecclesiali.

La raccolta continua ma pure la riflessione.

Il progetto offre l’occasione di rappresentare ai diversi istituti le proprie attività, a raccontarle e a confrontarle con altre. La grande creatività dell’offerta culturale aiuterà tutti a tracciare qualche sentiero possibile da percorrere non solo per promuovere, ma per valorizzare in modo adeguato il patrimonio culturale ecclesiastico.

La progettualità culturale integrata sarà la strada da intraprendere, collegando dal basso le persone, le comunità e la loro vita.

Facebook Comments
Dio non abita più qui?
30 Ottobre 2018
Chiese Non Più Chiese
30 Ottobre 2018