Alcuni contenuti o funzionalità qui potrebbero non essere disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità/contenuto contrassegnato come “Facebook Pixel [noscript]” utilizza cookie che hai scelto di disabilitare. Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, ti preghiamo di abilitare i cookie: clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

DEVOTIO 2024 – MANUTENZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE ECCLESIASTICO: CURA E PREVENZIONE


SEMINARIO – MARTEDI’ 13 FEBBRAIO 14:00 – 16:30


ISCRIVITI AL CONVEGNO AL SEGUENTE LINK: DEVOTIO2024


Manutenzione del patrimonio culturale ecclesiastico: cura e prevenzione

L’Italia possiede il più grande patrimonio culturale a livello mondiale. Un valore storico, artistico e architettonico, di cui l’edilizia di culto è protagonista. Le nostre chiese, gli oratori, i luoghi di incontro sono punti di riferimento per la comunità e accolgono ogni giorno quantità significative di persone.

Oltre il 70% degli edifici costruiti ha però più di 50 anni e sono diversi i segnali che mostrano il naturale degrado dovuto alla vetustà degli immobili. Degradi che purtroppo a volte diventano problemi di sicurezza per le comunità che vivono questi edifici.

Esigenze e risorse economiche

Benché gli enti ecclesiastici facciano sforzi economici consistenti al fine di garantire un minimo di manutenzione ordinaria, è sempre più difficile far fronte a tale esigenze per le risorse economiche sempre più ristrette soprattutto per il peggioramento delle condizioni ambientali al contorno: temporali di intensità sempre più forte, inquinamento sempre più persistente ed aggressivo, eventi sismici più frequenti, o per la mancata capacità di prevenire – attraverso una programmata attività e una approfondita conoscenza sul tema della messa in sicurezza dei nostri edifici – eventuali problematiche che se non “curate” nei tempi e nei modi giusti poi possono diventare troppo onerose per la loro gestione.

Spesa o Investimento?

Quindi, la manutenzione del nostro patrimonio è da considerarsi una SPESA o un INVESTIMENTO? E quali strategie attuare e come gestire la programmazione degli interventi di manutenzione del nostro patrimonio, anche in funzione della disponibilità dei finanziamenti o dei contributi disponibili?

Questo tema è stato scelto con l’obiettivo di promuovere la conoscenza su specifici problemi di rischio e degrado che affliggono i nostri beni, stimolare l’interesse della ricerca e dell’innovazione di soluzioni concrete per la risoluzione delle problematiche trattate, e coinvolgere, in un confronto attivo, i Committenti e i progettisti.


Modera CATERINA PARRELLO

ore 14.00

CATERINA PARRELLO, architetto, direttore editoriale CHIESA OGGI Cura e prevenzione del nostro patrimonio

CARMINE GRAVINO, ingegnere, Ufficio tecnico Arcidiocesi di Napoli L’importanza della programmazione e delle risorse nella manutenzione

CHRISTIAN ROCCHI, architetto CHVL Architetti Associati (Roma) Manutenzione del patrimonio: la conservazione inizia dalla progettazione

DANIELE DE LUCA, architetto, direttore Ufficio Beni culturali ecclesiastici Diocesi di Vercelli Gestione e Conservazione del patrimonio: la ricerca di contributi e cofinanziamenti pubblici e privati oltre i contributi CEI

BARBARA FIORINI, architetto Manutenzione del patrimonio ecclesiastico: esperienza e pratica

ore 16.30 Conclusioni


ISCRIVITI AL CONVEGNO AL SEGUENTE LINK: DEVOTIO2024


A CHI SI RIVOLGE
L’incontro si rivolge a sacerdoti e collaboratori, liturgisti, responsabili diocesani, architetti, progettisti, professionisti dell’audio, beni culturali e spazi architettonici ecclesiastici.

CREDITI FORMATIVI ED ESONERO
Per questo convegno sono stati richiesti CFP all’Ordine degli Architetti di Bologna.
E’ stato richiesto al Ministero dell’Istruzione e del Merito il diritto di esonero ministeriale dalle attività scolastiche per frequentare i convegni.

Condividi

Lascia un commento

Su questo sito web utilizziamo strumenti di prima o terza parte che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare rapporti sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare i nostri servizi/prodotti in modo appropriato (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.

Alcuni contenuti o funzionalità qui potrebbero non essere disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità/contenuto contrassegnato come “%SERVICE_NAME%” utilizza cookie che hai scelto di disabilitare. Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, ti preghiamo di abilitare i cookie: clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.