Architettura

Un altare che esalta la storia, le risorse e le tradizioni locali – La Cattedrale di Volterra

Nella cattedrale di Volterra è stato costruito un nuovo altare artistico abbellito da intarsi in alabastro e ornato con la raffigurazione di dodici santi volterrani, protettori della città

S.Ecc. Mons. Alberto Silvani, Vescovo della diocesi di Volterra

«L’altare convenientemente ornato, incensato, baciato dal celebrante all’inizio e alla fine della Messa, non è semplicemente un tavolo utile alla celebrazione o il supporto per una bella composizione di fiori, ma è il segno della presenza di Cristo, sacerdote e vittima. L’altare è di pietra per indicare chiaramente che Gesù è la pietra viva alla quale dobbiamo accostarci» (Lettera Pastorale “L’offerta più grande”, § 62).

Dopo decenni di uso di un altare posticcio, poco dignitoso per la celebrazione e poco consono allo stile della Cattedrale di Volterra, l’imminenza delle celebrazioni giubilari per i 900 anni dalla dedicazione, ha comportato la necessità di una iniziativa.
Si è scelto di non toccare l’altare maggiore, detto ormai “tradizionale” anche se di tradizione recente, e di costruire un nuovo altare artistico.

Questo nuovo altare è l’ultima opera che si aggiunge agli altri capolavori della nostra Cattedrale, e mette in risalto storia, tradizioni e risorse locali: è stato progettato ed eseguito da artisti volterrani, costruito in alabastro, pietra locale di Volterra, ed è ornato con la rappresentazione di dodici santi volterrani. Esso è stato generosamente donato dal Capitolo dei Canonici.

Al di là di queste particolarità, teniamo presente il grande rispetto con il quale dobbiamo guardare all’altare: è il luogo dell’incontro con Dio, che lì riceve le nostre offerte e lì ci fa il dono più grande di tutti, il suo stesso Figlio.

Facebook Comments
Bellezza nella semplicità. La chiesa della Madonna della Grazia ad Andria
16 Novembre 2019
PROGETTI PILOTA un’esperienza di concorso altamente qualificante
2 Novembre 2018