Architettura

San Severino Marche a più di un anno dagli eventi sismici

S.E. Mons Francesco Giovanni Brugnaro, Arcivescovo di Camerino San Severino Marche

Sono negli occhi di tutti i disastri causati dagli eventi sismici nel centro Italia a partire dal 24 agosto 2016 fino a gennaio 2017.

Accanto ai drammi personali di migliaia di famiglie, fattorie, scuole, aziende, comunità cristiane e parroci, privati delle proprie abitazioni e costretti a sfollare verso gli alberghi sulla costa adriatica, si è fatta evidente, fin dai primi momenti, la gravità dei danni subiti dal patrimonio artistico, architettonico, storico, archivistico e culturale.

Dei 34 Comuni appartenenti all’Arcidiocesi di Camerino – San Severino Marche (MC), ben 31 sono inseriti all’interno del cratere sismico e sono dichiarati zona rossa. All’indomani del sisma, ho istituito un’Unità di Crisi e Coordinamento Arcidiocesano post-Terremoto (UCCAT) preposta ad accogliere le richieste di aiuto provenienti dalle parrocchie, ad interagire con le istituzioni pubbliche e commissariali competenti, a recuperare e mettere al sicuro, a monitorare la realtà della situazione.

L’UCCAT ha predisposto due database digitali, sia per i beni immobili (350 risultano con lesioni gravissime), che per quelli mobili (2246 opere ricoverate presso i depositi arcidiocesani allestiti d’urgenza insieme al Comando TPC dei Carabinieri, e riconosciuti dalle varie sovrintendenze, oltre alle 242 opere portate alla Mole Vanvitelliana di Ancona per i successivi restauri). Un programma di geolocalizzazione aggiorna continuamente ogni informazione e intervento che sia utile alla tutela e ai progetti futuri.

E non posso tacere la fatica per mettere al sicuro dalle macerie, dall’acqua e dalla neve la settantina di antichi e preziosi archivi parrocchiali.

A fronte della drammaticità di questo quadro complessivo, si riscontrano segni di sicura ripresa. L’On. Commissaria Paola De Micheli sta velocizzando i lavori col rendere le Diocesi soggetto attuatore: partiranno progettazioni e gare sulle opere più importanti per ricostituire le comunità.

Guai se responsabilità e intelligenza non diventano progettualità. Non basta la memoria per farci uscire dalla precarietà demoralizzante che abbiamo vissuta col terremoto.

Se noi ringraziamo Dio per non aver avuto morti e feriti, dobbiamo riscoprire che i beni delle nostre comunità cristiane ci parlano della storia al futuro! Essi vanno custoditi non solo per il loro valore storico-artistico, ma anche perché il riferimento identitario e rappresentativo per le comunità, che li hanno voluti e generati, continua ad alimentare oggi lo stupore della bellezza, ad illuminare il mistero della nostra vita, a dar senso alla promozione umana.

L’urgenza di porre la tempestività come motore della ripresa e/o ricostruzione non dipende esclusivamente dalla fruibilità dei beni artistici e dalla necessità di ripristinare le chiese, ma dal dovere di non rendere assente o remoto lo spirito del Vangelo che nei secoli ha educato alla“civiltà dell’amore”.

Bisogna riportare a vivere tra noi, all’interno degli spazi resi sicuri, l’estetica dello spirito prodotta dalla millenaria cultura cristiana che, non escludendone altre, permette alla generalità dei fruitori di riconoscersi nell’umano che rappresenta.

Vuoi vedere l’articolo completo? Completa il modulo

Facebook Comments
LUOGHI DI CULTO E PERIFERIE
20 Luglio 2018
La Parrocchia di Casorezzo come luogo di aggregazione
24 Agosto 2018

Leave a Comment