Tinteggiare l’assoluto

La Facciata della Chiesa di Santa Maria Goretti a Mormanno (CS), progettata dall’architetto Mario Cucinella, tinteggiata con effetto fotocataltico, diventa attiva grazie all’energia luminosa che riduce i gas dannosi

Josef Brida amministratore delegato Keim Italia.

Definite dal fondatore Adolf Wilhelm KEIM nel 1878, visione, ricerca e sostenibilità, sono qualità che ancora oggi caratterizzano l’azienda di colori minerali.

Con sede in Germania e distribuita in tutto il mondo, Keim, oltre ad essere stata insignita nel corso degli anni con numerose certificazioni, garantisce da sempre la tenuta cromatica delle sue superfici.

Apprezzati per qualità, performance e durabilità, i colori Keim sono stati utilizzati negli anni in molti interventi conservativi di Beni culturali Ecclesiastici, ma solo quest’anno, a conclusione della nuova chiesa di Santa Maria Goretti, progettata da MC A – Mario Cucinella Architects, diventano parte di quella nuova dialettica che vede il linguaggio dell’architettura contemporanea interloquire con il linguaggio della liturgia.

Di colore Bianco, la facciata ci colpisce, come scriveva Kandinsky, come un grande silenzio da sembrare assoluto.

Tinteggiata con Soldalit®-ME, pittura a base di sol di silice con effetto fotocatalitico per supporti organici, minerali e/o misti, la chiesa diventa attiva: grazie all’energia luminosa riduce gas dannosi.

È forse troppo sbilanciarsi in un concetto che da concreto diventa astratto, ma ci è venuto naturale pensare a come il potere della luce (divino) pulisca (purifichi) il bianco di un luogo assoluto come quello di preghiera.

Leggi l’articolo: Chiesa di Santa Maria Goretti, Mormanno (CS) – Architettura e Arte contemporanea in dialogo con il sacro

Condividi